La ludopatia, come riconosciuto anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è una vera e propria malattia con sintomi specifici e importanti ricadute personali, famigliari e sociali.

Si tratta di un fenomeno sempre più diffuso anche nella nostra comunità che arriva ad incidere negativamente nella quotidianità e nella qualità della vita di chi si trovi a gestire l’ impulso a giocare e scommettere denaro in piccoli o grandi cifre: si tratta a tutti gli effetti di una dipendenza comportamentale, quindi senza assunzione di sostanza, ma non per questo meno pericolosa o dannosa. Il giocatore danneggia se stesso, trascinandosi dietro spesso l’intera famiglia.

Grazie alle sovvenzioni del Fondo del Piano Regionale sul Gioco d’Azzardo, il Dipartimento per le Dipendenze dell’azienda ULSS5 e la Cooperativa Terr.A., in collaborazione con il comune di Rovigo (RO) ed comune di Adria (RO), hanno attivato nella città di Rovigo il secondo sportello d’ascolto per il gioco d’azzardo in cui opera una psicologa professionista formata per affrontare queste tematiche e che indirizzerà ai diversi servizi specialistici chi ne avesse bisogno.

TGR Veneto – Intervista a Antonio Compostella, Direttore generale dell’Ulss 5 Polesana

Sono, quindi, dal 2 ottobre 2020 attivi: 

Lo SPORTELLO DI ROVIGO – Ogni venerdì dalle 16.00 alle 18.00  presso la sede dell’Associazione Nihal di via Cavour, 24 a Rovigo (RO) 

Lo SPORTELLO DI ADRIA  Ogni giovedì dalle 16.30 alle 18.30  presso lo Sportello delle Opportunità di via Manzoni, 1 ad Adria (RO) 

L’accesso al servizio è completamente gratuito e viene garantito l’anonimato. 

Per entrambe le sedi è obbligatoria è la prenotazione via mail all’indirizzo rovigo.gap@coopterra.it o via telefono +39 3883271661 (anche WhatsApp).

Gli incontri si svolgeranno nel rispetto di tutte le misure di sicurezza finalizzate al contenimento del contagio da Covid-19.

www.coopterra.it/dipendenze